L’artrite è una malattia autoimmune che si manifesta con infiammazione e dolore alle articolazioni.
Riportiamo le principali forme di artrite trattate dal ns Centro:

ARTRITE REUMATOIDE
ARTRITE PSORIASICA
ARTRITE DA DEPOSITO DI MICROCRISTALLI


ARTRITE REUMATOIDE

E' una malattia sistemica a elettiva localizzazione poliarticolare, ad andamento cronico e progressivo, con carattere erosivo, con tendenza a deformare le articolazioni coinvolte, caratterizzata dalla presenza nel siero di anticorpi anti-immunoglobuline come i fattori reumatoide, anticorpi anticitrullina ecc. 

La prevalenza di A.R. risulta compresa tra lo 0,3 e l'1,5% della popolazione. 


In generale il rapporto di morbilità tra maschi e femmine è di 1 a 4 e il picco di maggiore incidenza di comparsa è compreso tra i 35 e i 50 anni. 

Per fare la diagnosi di Artrite Reumatoide ci sono i criteri ARA per la classificazione dell'A.R.:

1. Rigidità mattutina (Di almeno un'ora prima del massimo miglioramento);
2. Artrite di 3 o più articolazioni (tumefazione o versamento di almeno 3 articolazioni simultaneamente);
3. Artrite delle mani (almeno una localizzazione su polsi, metacarpo-falangee o interfalangee prossimali);
4. Artrite simmetrica (a livello delle metacarpo-falangee, interfalangee prossimali e metatarso-falangee non richiedono simmetricità assoluta);
5. Noduli reumatoidi 
6. Fattore reumatoide
7. Alterazioni radiologiche (Osteoporosi distrettuale certa o presenza di erosioni alle mani o polsi)

Il paziente è affetto da A.R. se soddisfa 4 dei 7 criteri. I criteri da 1 a 4 devono essere presenti per almeno sei settimane.

La malattia oltre a interessare qulsiasi articolazione , può avere manifestazioni extra-articolari a livello della colonna vertebrale, muscolare (ipotrofia muscolare primitiva o iatrogena da cortisonici), cute e vasi (vasculite).

Può interessare il sistema nervoso centrale, reni, apparato respiratorio, cuore, occhio, orecchio.  
E' importantissima la diagnosi precoce. 
La sindrome di Aplan e di Felty sono varianti dell' Artrite Remaumatoide.

La terapia che si effettua nel nostro centro si parte dalla terapia farmacologica ( corticosteroidi in minime dosi possibili, FANS, farmaci citotosici e biologici) alla terapia farmacologica locale ( con impiego di sostanze sinoviolitiche) e terapia fisica ( di importante ausilio nella correzione e prevenzione delle deformità. 


ARTRITE PSORIASICA

L'artropatia psoriasica è un'artropatia infiammatoria associata a psoriasi cutanea e/o ungueale. La prevalenza della psoriasi nella popolazione generale è dell'1-2%: tra i soggetti affetti della dermopatia il 7-8% circa sviluppa una delle diverse forme di artropatia. Il rapporto tra maschi/femmine è prossimo all'unità.

Il criterio obbligatorio per la diagnosi è la presenza di lesioni psoriasiche a carico della cute e/o unghie. possono essere anamnestiche. Comunque nel 15% dei casi le manifestazioni articolari precedono, anche di anni, la dermopatia: in questi pazienti saranno le caratteristiche cliniche, radiologiche e di evoluzione dell'artropatia, oltre ad una famigliarità per la psoriasi.

L'artropatia psoriasica presenta differenti modalità di espressione clinica per tipo e gravità dell'impegno articolare e della prognosi a distanza. Identifichiamo 3 sottotipi:

1. Malattia spondilitica: l'interessamento delle articolazioni della colonna vertebrale è l'elemento clinico rilevante. Oltre il 30% dei pazienti affetti da A.P. presenta interessamento radiologico e/o clinico dello scheletro. L'esordio è spesso subdolo: per molto tempo ilo paziente lamenta doloren al rachide cervicale e/o lombare che si caratterizza per periodi di remissione parziale o totale e per una modesta limitazione funzionale.A volte compare talalgia, l'entesopatia achillea, la sciatica bilaterale che si alterna.

2. Oligo/poliartrite delle piccole articolazioni: Interessa mani e piedi con lieve o scarsa evoluzione in deformazione anatomica. E' la forma più classica (60% circa)con interessamento delle interfalangee prossimali e distali delle mani e metatarsofalangeee interfalangee dei piedi. Il dito si presenta caldo, la cute arrossata con tumefazione dura del dito, molto dolente, con impotenza funzionale spesso assoluta. Questo aspetto può interessare una o più articolazioni piccole, ma anche le grosse articolazioni, specie il ginocchio e la caviglia. 

3. Poliartrite: Il 30% dei pazienti con A.P. presenta una poliartrite generalizzata, più spesso simmetrica simile alla artrite reumatoide ma regolarmente sieronegativa per il fattore reumatoide.
La terapia che deve assolutamente iniziare presto è simile all'A.R. e a volte si deve inquadrare insieme alla dermopatia.



ARTRITE DA DEPOSITO DI MICROCRISTALLI

Sono artriti dovute alla deposizione in seno alla cartilagine di cristalli dovute alle varie forme dismetaboliche. 

Per esempio nella gotta primitiva o secondaria si depositano cristalli di urato monosodico e nelle forme di condrocalcinosi i cristalli di pirofosfato di calcio. Possono essere forme primitive cioè endogene o secondarie alla nutrizione o a patologie come ad esempio nell'iperparatiroidismo, emocromatosi, ipo magnesiemia ecc. Inizia con un dolore acuto all'articolazione che può essere solo una oppure più articolazioni tanto da confondere la diagnosi medica. 

E’ classico il quadro radiologico di calcificazioni periarticolari. 
La gotta classica inizia di solito con interessamento della Mtf prossimale dell'alluce con rossore, tumefazione, dolore e impotenza funzionale. 

Le altre forme prediligono il ginocchio con dolore acuto improvviso e tumefazione, la spalla come la classica periartrite scapolo-omerale.  Una volta determinata la patologia la terapia fisica e medica risolveranno il problema. 

Rachis Center 2014 - Tutti i diritti riservati. Credits